Feed RSS

Archivio dell'autore: crabarrubia

Operazione Silvio

Inserito il

Immagine

Oggi ci infiltriamo nella presentazione della campagna elettorale di Ugo, guest star Silvio Berlusconi.

Perché lo facciamo? Nessun salto della quaglia, semplicemente siamo sadici e vogliamo ridere e vedere dove può arrivare l’umana follia. Chiamarci scienziati é troppo, ma diciamo osservatori della natura umana, e personalmente studio l’elettore berlusconiano dal 1994, trovandolo un fenomeno sociologico estremamente interessante.

Come vestirsi per infiltrarsi a vedere Silvio? Tacco 12? Ne avevo un paio ma li ho regalati, spacco ? Anche no.

Porterei il mio cane ma si vede subito chi è cani de punkabbestia…..Dudu’ come tutte le creature di Silvio è un organismo geneticamente modificato per attrarre le masse adoranti, scommetto che fa la pupù ‘rosa.

Arriviamo alle ore 10 e 30 in piazza Paolo Soddu fondatore della fiera, e iniziamo a sentire inni di Forza Italia…Incrociamo una famiglia con due bambini piccoli. Penso che in questi casi la dottrina vada trasmessa quando uno è ancora piccolo e ha il cervello plasmabile.

I parcheggi sono pieni, inoltre l’ambiente pullula di agenti di polizia e di carabinieri, di agenti della Digos riconoscibilissimi, ma soprattutto è pieno di body guards, evidentemente Silvio non si fida delle forze dell’ ‘ordine.

Entriamo e prendiamo posto dietro, defilati. Ore 10 e 46

Una voce registrata dice: “é bello essere tutti insieme per fare vincere la Sardegna”

Stimo la sala in 400 mq. Eravamo 2000 al massimo, non credete a chi dice 3000 o 4000 perché è matematicamente impossibile.

Dovrebbe essere l’inizio della campagna elettorale di Ugo, ma quello che spicca è spiccherà è il logo di forza Italia.

Ugo questa volta scheda ha scelto un simbolo tristissimo: una sorta di cartello stradale con uno slogan che non ricorderà nemmeno lui.

Arriviamo contemporaneamente a Piergiorgio M. che si fa fotografare mentre scambia baci e abbracci.

È pieno di telecamere. Ne conto almeno 10 esclusi i cameramen in piedi. Non per niente è pieno proprietario di 3 televisioni e di 3/4 del paese.

Faccio una passeggiata nella sala. Le prime 4 file sono occupate dai politici di forza ltalia (Mariano, Emilio, Settimo,Piergiorgio, Salvatore, Carmelo ecc…), e poi attivisti con la maglietta di forza italia : i body guards fanno sbarramento ci dicono che non è nemmeno possibile avvicinarsi: retrocedere.

Sono tutti grandi, massicci, vestiti di nero con l’auricolare.

Analogamente è pieno di hostess: ovviamente bellissime, sembrano modelle.

Ma anche le donne che mi circondano sono trassatissime…..è il festival del labbro a canotto.

L’inno di forza Italia ci coccola come una ninna nanna mentre attendiamo Silvio.

É tutto uno stringere di mani, baci e abbracci e riconosco il saluto massonico più di una volta.

Una voce registrata ogni tanto ci dice:

“SIAMO LA SARDEGNA DELL ‘UGUAGLIANZA”

“LA SARDEGNA DELLA SOLIDARIETÀ”

“SIAMO LA SARDEGNA DEGLI ANTICHI SAPERI”

Sono già le 10 e46 e di Silvio e Ugo nemmeno l’ombra..

Inizia filmino di 30 minuti per esaltarci ancora di più così quando Silvio arriva gli facciamo una standing ovation che neanche al papa quando è venuto a Cagliari.

Sono i migliori momenti di Silvio dal 1994 fino ad oggi, dalla sua “discesa in campo”.

  • Silvio che giuria sulla costituzione.
  • Silvio con i bambini che gli spiega cosa è la libertà.
  • Silvio con George Bush
  • Silvio con tutti i capi di stato
  • Silvio che fa le battute ( non sporche)
  • Silvio col papa
  • Silvio in un giardino che spiega che i fiori che vediamo sono rododendri e camelie (musica romantica in sottofondo)……applausi…..
  • Intanto sono le 11e10 e mi sue seghendi is …….
  • Il filmino continua….Silvio che dice che deve difendere democrazia e libertà sempre più sotto attacco, Silvio che dice che la formula é meno tasse più competitività….
  • Silvio con Apicella che canta jamme jamme ….
  • Azzurra la nave di forza ltalia…..
  • Poi l’intervista alla mamma di Silvio che dice” gli abbiamo chiesto, perché lo fai, é un compito durissimo” “mamma sento questo dovere verso gli italiani”
  • Poi sottofondo commovente e Silvio che dice CHE UN INSOSTENIBILE SENSO DI RESPONSABILITÀ CHE HA SENTITO DENTRO LO HA SPINTO VERSO LA POLITICA, E LO RIFAREBBE NONOSTANTE TUTTA LA SOFFERENZA SUBITA
  • Infine il famoso PATTO CON GLI ITALIANI

1)Abbattimento della pressione fiscale

2)Dimezzamento del tasso di disoccupazione

3)Apertura del cantiere del programma decennale delle grandi opere pubbliche (leggi ponte sullo stretto)

4)Aumento delle pensioni minime

5)Abbassamento del tasso di criminalità

A questo punto sono le11 e 45, mi sono letteralmente rotta le palle del filmino e mi metto a giocare ad angry birds.

Finisce la proiezione e Salvatore C. Sale sul palco con Settimo N., Emilio F., Pietro P.,Mariano D., Carmelo P.

Dicono “la crisi si è sentita meno con Ugo in questi anni di governo”

“lasciamo i sogni alle scrittrici e le formule ai professori universitari”

Sale un giovane del coordinamento giovani di forza Italia e anche lui fa l’elogio di Silvio.

Pietro P. Ci dice addirittura facciamo una prova generale di coro per quando arriva il presidente “SILVIO-SILVIO-SILVIO…..”

Ci dicono che Silvio è un grande amico della Sardegna che ha sempre avuto la Sardegna nel cuore, che è subito corso da noi quando c’erano problemi.

Ringraziano le donne presenti, non è vero che Silvio è sessista e loro ne sono la dimostrazione.

Ma la frase che mi è piaciuta di più è L’ETICA IN POLITICA NON È L’ONESTÀ! MA È LA RESPONSABILITÀ! COME QUELLA CHE HA DIMOSTRATO UGO IN QUESTI ANNI DI GOVERNO.

Parlano Emilio e Mariano che dicono che tra loro è nata una grande amicizia e che Cagliari è la dimostrazione dei disastri che compie la sinistra che sa fare solo piste ciclabili. Concludono con un ci riprenderemo CHIAGLIARI !!!!!!!  qualcuno vicino  a me urla VOGLIAMO LO STADIOOOOO!!!!

Salvatore dice che Emilio e Mariano sono il cuore di Cagliari e che la sinistra sta distruggendo tutto quello che loro hanno fatto.

Carmelo dice che la sinistra è così inetta che perde anche ai rigori e queste elezioni le vincerà Ugo.

Parla infine Piergiorgio che spiega di essere stato defenestrato perché non aveva i titoli, e l’unico titolo che gli mancava era la tessera del pd.

Fedele dice di essere umile servitore della sua terra e che il motivo del vantaggio di Ugo, non è Ugo ma il gruppo, e parla dei traditori di Silvio. Ci vuole. Onore e gratitudine per Silvio per quello che ha fatto per la Sardegna.

Finalmente Silvio arriva: tutti si alzano in piedi, applausi e svolazzi di bandiere, compresa quella della zona franca. Il mio compagno non si trattiene e dice” Emilio Lussu aressi furriendisi in sa tumba…chi du sciada chi deppiada cumbatti nel Carso Po custusu 4 barabbasa …..”

Silvio inizia lo show:

Franco cappellacci mi chiama tutti i giorni…..ma sapete perché lo chiamo franco???? Mi sta ammazzando con la storia della zona franca

APPLAUSI

Il filmino durava 30 minuti ne sarebbe potuto durare 20 ma ho detto al regista non tagliare quella tipa carina in seconda fila

APPLAUSI

terza battuta un amico che ha rinunciato ad uno stipendione da mediaset per amor suo, per seguirlo dappertutto, ma non siamo

APPLAUSI

chiederò alle ragazze di forza Silvio di venire a mettermi le mani sul viso per dimostrare che non ho 90 anni

APPLAUSI

fino ad ora il povero Ugo non se l’ha filato nessuno, finalmente parla emozionato come 5 anni fa dice lui….

A ed MB infiltrati….si funti arrosciusu e gettano la spugna….vanno a vedere la nuova passeggiata molo ichnusa -su siccu che la sinistra delle piste ciclabili ha fatto, e a mangiare i ricci sempre nel mercato dei ricci che la sinistra delle piste ciclabili ha fatto, perché il sole splende a Cagliari.

CONSIDERAZIONI

Scusate il misto di sardo e italiano che tanto ci piace….noi siamo sardi, parliamo sardo e italiano e ma scuola vorremmo imparare inglese…sapete il sardo lo conosciamo, l’italiano pure,l’inglese ci servirebbe, ma se qualche parola non la capite chiediamo scusa in anticipo.

Ho capito da ore che siamo qui per osannare Silvio, non per la campagna elettorale, e Ugo non se lo fila nessuno, è un incidente di passaggio. L’elettore silviesco applaudirebbe e sorriderebbe anche se Silvio parlasse marziano, perché vuole un leader, che sorrida e faccia le battute, in qualunque lingua.

La parola più pronunciata da Silvio, ma proprio continuamente, é libertà…..dalla buiosa (galera) ne avrebbe poca e così ci pensa….poveraccio….

E Tutti gli altri problemi? Perché esistono altri problemi?

Ugo, sesi unu casinu e neanche ti rispetto, politicamente parlando, ma mi hai fatto pena come un cane preso a calci.

19 giorni da disoccupata

Inserito il

Questo l’ho scritto prima qualche giorno prima di essere licenziata…

è vero che quando si ha una notizia cattiva si ha la fase della rabbia, dell’elaborazione, e infine la rassegnazione. Oggi ho guardato il  mio capo che da quando mi ha comunicato che me ne devo andare mi evita e mi tratta come un rifiuto stradale da evitare, e ho pensato: finiscono 4 anni della mia vita, posso dire che quest’uomo mi caccia non per demerito o poco impegno ma proprio perchè gli sto sulle palle. E ho pensato a 4 anni di rospi ingoiati, in cui  non gli ho mai detto nulla  di tutto quello che mi ha fatto e detto e probabilmente non gliene frega un cazzo. Sono l’ennesima che viene a lavorare per due soldi in questo posto di merda e ho contribuito al mio esaurimento e alla crescita del suo patrimonio.

Adesso sono 19 giorni da disoccupata in cui ho scoperto  questo:

1) non mi spetta l’indennità di disoccupazione di nessun tipo perchè ci vogliono due anni di contributi versati come lavoro dipendente (MALEDIZIONE A ME QUANDO HO ACCETTATO DI LAVORARE IN NERO PUR DI LAVORARE)

2)Sono andata a sentire una conferenza in cui ho sentito parlare di post-capitalismo e ho sentito dire che in questo post capitalismo delle banche lo stato sociale europeo non è compatibile con il nuovo mercato e quindi i cittadini devono arrangiarsi e possibilmente rompere meno possibile le palle.

3) La manovra Monti sul lavoro poteva essere fatta in milioni di modi diversi, invece si mira ancora una volta a flessibilizzare la figura del lavoratore: inutili anni di lotte fatte dai nostri padri e i nostri nonni, statuto dei lavoratori…tutto inutile…in nome de che??????boh??? e loro che da Bruxelles ci dettano regole, lo sanno? Secondo me no. (stessa cosa diceva anche uno dei conferenzieri)

4)Colloqui di lavoro: vedo in me stessa un grafico parabolico, con la curva di entusiasmo che sale sale sale, fino a quando dopo, quando i giorni passano, scende scende scende.

Conclusione: in un regime di pigrizia e abulia che mi era appartenuto raramente prima di adesso, imparo l’arte sacra del vivere giorno per giorno, altrimenti non so come dovrei fare, se avessi un solo pensiero per il domani e per il futuro che ora come ora pare nebulosissimo e non si sa dove mi porterà.

Fase di paranoia totale e seghe mentali: capitolo 3 del Prelicenziamento

Inserito il

La mia analista (della ASL precisiamo), mi dice di utilizzare questo periodo come un periodo di crescita interiore e di sperimentazione, di cercare cercare cercare da subito, e non limitarmi all’Italia, il mondo è grande e bello e non vale la pena di limitarsi a ciò che già conosco.

Capisco benissimo che non poteva compatirmi per un’ora e cercava di aprire la mia mente, e riconosco che tutto ciò che dice è vero, infatti ho promesso di fare una lista di tutti i metodi per trovare lavoro e ho portato subito il curriculum a quello che per me over 30 si chiama ancora ufficio di collocamento, mi sono iscritta sul sito di due agenzie interinali e sto cercando in tutti i modi di essere ottimista contro il mio carattere, negativo per natura.

Un tarlo mi consuma il cervello in queste ore: (moltissimi in effetti fosse solo uno)

Come farò a lavorare in questo posto dove mi buttano fuori a febbraio, perchè non sono già a bussare alle porte di altri posti?

Devo chiedere al mio datore di lavoro se mi sta buttando fuori per colpa mia, o davvero non ci sono i soldi? (questa in particolare mi ossessiona)

come farò???

Come ricevere un preavviso di licenziamento e cercare di non uccidersi capitolo 2

Inserito il

Conto in banca: 0 (ma non è un conto in banca ma un libretto postale altrimenti sarei in rosso per le spese del conto)

Stipendi arretrati: agosto e settembre

Considerazioni:

1) Se si ascoltano le statistiche la mia laurea vale tanto,  ed è merce pregiatissima essendo una laurea in discipline scientifiche, (almeno rispetto alle discipline umanistiche). Davvero, dico io? Boh, il mio studio chiude perchè non riesce a sostenere le spese, la statistica è una materia altamente aleatoria.

2)La gente mi dice: sei davvero in gamba, tu non avrai problemi, oppure chiusa una porta si apre un portone, frasi di questo tipo, e davvero sono gentili e preoccupati, ma a parte l’essere senza soldi davvero, quindi non potere permettersi 20 euro di benzina tutti insieme,  e quindi  non solo per il piacere di comprarsi qualcosa, che è già drammatico di per se, la cosa più orrenda per me è che mi è stata tolta quella pochissima speranza e sicurezza che un contratto part-time a tempo determinato mi dava.

3)Domani inizio a bussare ad un paio di portoni…vedremo come andrà questa ricerca.

Come ricevere un preavviso di licenziamento e cercare di non uccidersi capitolo 1

Inserito il

I miei colleghi di lavoro mi dicono che sono una professionista del pessimismo, ed è vero: purtroppo, una vita passata a preoccuparmi mi ha messo un velo nero davanti agli occhi.

Ma credetemi ci provo ad essere ottimista….ci provo.

oggi ore 10 e 30 al telefono col mio capo:

“Capo, senta, vorrei dirle che ho 2,50 euro per mangiare, la macchina in riserva e il cellulare senza credito “(apocalittico ma vero purtroppo, senza stipendio dal 16 Agosto, ultimi risparmi usati per pagare l’assicurazione della macchina).

Mi ha risposto che avrebbe posto rimedio.

E’ arrivato, mi ha dato 100 euro facendomi notare che li ha prelevati dalla sua personale carta di credito, e poi è arrivata la mazzata:

“Comincia a cercarti un altro lavoro, non stiamo incassando nulla, non riesco a sostenere le spese, quando scade il tuo contratto, probabile che non possa rinnovartelo, purtroppo non posso tenere anche te.”

Subito dopo di me la mazzata è stata per l’altro mio giovane collega, non era una cosa strettamente connessa con me, e ciò che dice è vero.

Dopo una mezzora, quando il capo era già andato via le lacrime mi sono venute da sole e mi sono chiusa in bagno.

Per ora sinceramente vedo solo scenari apocalittici e non so da dove iniziare…mi mancano le forze. Spero di riuscire a riprendermi e non arrendermi perchè la stanchezza in questo istante supera ogni cosa. Stanchezza di dovere combattere una guerra per fare il mio mestiere, stanchezza per avere superato i 30 abbondantemente ed avere in mano nulla.

Qualcuno ci ha chiamato la generazione dei depressi. Forse è vero che lo siamo, ma forse la colpa non è tutta nostra, che dite?

Italia di oggi: lavoro da laureata 5,625 euro/ora Vs. Patonza di Ruby 5 milioni di euro

Inserito il

Non ho un odio particolare verso le prostitute e non credo a storielle di dignità e morale: se hai il coraggio di guadagnarti il pane in questo modo, se dopo non schifi il sesso, se non hai paura dell’opinione degli altri, complimenti per  il fegato e per il pelo sullo stomaco.

Io per esempio non l’ho mai avuto: ma devo ammettere con me stessa che probabilmente se non avessi terrore di malattie, di psicopatici, di essere additata come una prostituta e perdere la considerazione sociale, di cui tutti in maniera minore o maggiore ci nutriamo, chissà. Dignità? Cosa è in realtà? quando mi dicono questa parola ogni volta ci penso e penso ai soldi….e dico boh….ma ormai, ho scollinato i 30 da parecchio, e anche se mi dicono che non sono da buttare via…per certe cose serve la carne giovane.

Ma per quanto riguarda il lavoro io mi ritenevo davvero fortunata: faccio esattamente il lavoro per cui ho studiato e che ho scelto, chun lavoro che volevo fare sin da piccola, un lavoro difficile, ma mai noioso. E non mi sono mai illusa che sarebbe stato facile dopo la laurea.

Ma più pessimista di Leopardi, immaginavo che il mio lavoro sarebbe valso poco: sapevo che se non hai alle spalle soldi, baronati, conoscenze importanti, la strada è non una dolce collina ma una montagna di quelle di Marte con altezze incredibili (Olympus Mons,24 km di altezza).

Mai mi sono illusa che sarei diventata ricca però desideravo comunque comprarmi una piccola casa e avviare una mia attività, pensavo che un giorno ce l’avrei fatta, lavorando sodo.

Invece ai giorni nostri, in Italia, quando vieni scaraventato nel mondo del lavoro dopo la laurea cominci a chiederti cosa ne sarà di te: cominci a comprare libri che trattano di argomenti come non pensare al domani e vivere giorno per giorno, perchè lo stipendio è così basso da impedirti veramente ogni possibilità di futuro e anche di presente, e i genitori devono aiutarti a fare fronte alle spese che affronti per andare a lavorare.

Spesso non si sa, anche da Atei, a che Santo votarsi.

Se faccio come dice il ministro, e vado al mercato a scaricare frutta, farò la cosa giusta? potrò riprendere il mio lavoro dopo o perderò tutta la pratica accumulata? o molto semplicemente mi adeguerò e metterò i sogni nel cassetto?Volere fare il mio lavoro dimostra che sono pigra? Devo partire dall’Italia e sdradicarmi? Devo partire dal mio mondo e spezzarmi il cuore? Devo rimanere e lottare? ogni tanto penso che qui tra poco non rimarrà più nessuno,  tutti pian piano gettano tristemente la spugna, e io francamente li capisco bene.

Ecco l’unica mia domanda in tutta questa storia di orge del premier, che francamente sta nauseando:  perchè il mio lavoro, un lavoro per il quale è richiesta una laurea, una specializzazione, anni e anni di sacrifici, vale zero rispetto a quello di una escort? Non vale almeno un contratto stabile, e 1200 euro al mese? ( Non scherzo se dico che ora come ora Mi sentirei non ricca ma sicuramente più tranquilla con una cifra del genere, lontana varie centinaia di euro dal mio stipendio attuale). e questa io non la chiamo dignità ma incazzatura davanti all’ingiustizia: il mio lavoro è utile a molte persone e non vale nulla. La patonza della nipote di Mubarak,  della miss Montenegrina, di Noemi e di tutto l’esercito di Veline è una merce pregiatissima invece. Sarà una patonza placcata oro 24 carati, o solo a vederla ti vengono 20 orgasmi. Misteri della vita.

Ora guadagno una cifra che per metà va via in benzina, soldi per stare tutto il giorno fuori perchè sono una pendolare doc,  e il resto non mi permette non solo di chiedere un mutuo, ma non mi permette neanche di pagare un affitto di una stanza. Attività mia poi…con quali soldi?

Come ho sentito dire alla Dandini: era meglio fare un corso di Lap Dance o farsi il mazzo tanto studiando e studiando e studiando?